Con la cerimonia di chiusura all’auditorium Di Santa Cecilia si chiude l’edizione 2019 di IMUN. L’IIS Eliano-Luzzatti ha partecipato con una delegazione di 11 studenti che hanno simulato i lavori dell’assemblea generale dell’ONU. Gli studenti della nostra scuola hanno svolto i lavori nella commissione UNEP presso la Camera dei Deputati.

I ragazzi mostrano il nome delle Nazioni di cui saranno delegati

Credere che il progetto IMUN serva solo per migliorare il proprio inglese e le proprie capacità di public speaking è limitante ed è un pensiero parzialmente scorretto. Perché IMUN non è solo questo, non potrà mai esserlo. IMUN è mettersi alla prova, parlare, confrontarsi, ascoltare, lavorare in gruppo e sentirsi parte attiva di un cambiamento che solo grazie a te e alla tua commissione è possibile. IMUN vuol dire tornare a casa stanchi, ma soddisfatti: non si vede l’ora di dormire per poter cominciare a lavorare di nuovo. IMUN è amicizia, confronto e conforto, discussioni e scambio di idee. È paura di non potercela fare, di non essere abbastanza, è la confortante sicurezza che ci si può riuscire. È scoprirsi e riconoscersi, è conoscere e riconoscere nuovi problemi dei quali non avevi idea. IMUN è una famiglia, IMUN è tutto questo.

Giorgia Ceci, 5A Classico

Durante le cinque giornate di lavoro i delegati hanno discusso sul tema delle microplastiche insieme ad altri colleghi provenienti da scuole di Roma, Latina e Rieti. La risoluzione, votata a maggioranza in assemblea plenaria venerdì 18 gennaio,  ha come temi fondanti la sensibilizzazione dei cittadini nei confronti del problema, il coinvolgimento delle autorità competenti nella risoluzione del ghost fishing, l’istituzione di un fondo globale per sostenere i paesi che non hanno i fondi per attuare la raccolta differenziata.

I ragazzi impegnati nei lavori dell’IMUN

L’esperienza di IMUN è stata intensa, fantastica, toccante e sicuramente da ripetere ancora e ancora: mi ha fatto mettere in relazione con ragazzi e ragazze straordinariamente fantastici. Il clima amicale che già dopo un giorno si percepiva era un qualcosa di veramente speciale.
Ci terrei a ringraziare lo staff sempre disponibile a rispondere alle mie trapananti mail/messaggi, la professoressa che ci ha accompagnati tutti e cinque i giorni e ovviamente tutti i delegates senza i quali non sarebbe stata la stessa cosa! Grazie a tutti ragazzi, ci vediamo il prossimo anno!

Luca Mattogno, 2A Scienze Umane

Giorgia Ceci ed Esmeralda Moretti del 5A classico, Gloria Haskocelaj del 3A classico e Luca Mattogno del 2A Scienze Umane si sono aggiudicati la honorable mention for participating with merit, dedication and achieved excellence.  Il nostro Istituto ha ottenuto, inoltre, una menzione speciale per la sua delegazione di studenti partecipanti che hanno ottenuto, in percentuale, il maggior numero di honorable mentions

Visualizza la playlist dei lavori e la premiazione finale

Imun è un’esperienza toccante davvero: collaborazione, coraggio, idee e tanta, tanta voglia, questo è ciò che fa la differenza. Personalmente ho avuto il piacere di vivere questa esperienza tre volte, e ognuna è stata migliore della precedente, perché nel frattempo, proprio grazie alla precedente, io ero migliorata e diventata più sicura di me stessa e delle mie capacità.
Non è importante quale paese tu rappresenti, né quanto tu sia grande o popoloso, perché ciò che davvero conta è la grandezza delle tue idee e la tua capacità di metterti in gioco, rischiare, sbagliare, spesso, ma rialzarti, sempre, ancora più forte di prima, con nuove idee, nuovi sogni e nuove ambizioni

Esmeralda Moretti, 5A Classico
Condividi sui social
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email